Posts Tagged ‘race’

A 42 ans, Davide Rebellin poursuit sa carrière en toute discrétion chez les Polonais de CCC Polsat. L’Italien se présentera à l’Amstel Gold Race avec de sérieuses ambitions.

Davide Rebellin en octobre 2013 au départ de Paris-Bourges (L’Equipe)

Davide Rebellin en octobre 2013 au départ de Paris-Bourges (L'Equipe)

A une époque, il était surnommé ‘’l’enfant de choeur’’. Pour sa foi revendiquée, pour sa discrétion témoignant d’une grande timidité et pour son regard si doux, plein d’humilité. En 2014, Davide Rebellin serait plutôt un moine bénédictin, par son aspect chétif (1,71 m, 63 kg), toujours austère d’apparence et dédié à sa tâche quotidienne sans orgueil, voire un moine bouddhiste avec son maillot orange vif, celui de l’équipe polonaise de Continental Pro CCC Polsat.

Davide Rebellin, un leader toujours discret (L’Equipe)

«Des fois, je me demande s’il est bien dans le bus ou même dans l’équipe» «Il est très silencieux. Il ne parle pas beaucoup. Des fois, je me demande s’il est bien dans le bus ou même dans l’équipe, raconte l’un des directeurs sportifs de l’équipe, Piotr Wadecki. Même s’il ne parle pas beaucoup, c’est un très bon exemple pour les jeunes. Il s’entraîne très dur. Quand tu t’assoies avec lui à table, il est discret, tranquille. Sa vie tourne autour du vélo 24 heures sur 24. Il ne fait pas sentir que c’était une star.» Oui une star, car ce coureur né en 1971 s’est construit un palmarès incroyable une fois passée la trentaine : trois victoires à la Flèche Wallonne (2004, 2007 et 2009) et surtout un triplé exceptionnel dans les classiques ardennaises en 2004.
 
Trois coureurs de la génération 1971 sont encore des protagonistes du peloton : Chris Horner, Jens Voigt et Davide Rebellin. Quand Rebellin est passé pro, en 1992, Lance Armstrong était inconnu en Europe, Miguel Indurain débutait son quinquennat de domination sur le Tour de France et les coureurs français étaient encore capables de gagner le Tour des Flandres et Paris-Roubaix. Vingt-deux ans plus tard, l’Italien ne pense toujours pas à la retraite, à l’image de Chris Horner et Jens Voigt, les deux autres vétérans de la génération 1971. «Je suis encore très motivé. Oui, je me fais encore plaisir, raconte-t-il. C’est un peu étrange car je ne connais presque plus personne dans le peloton. Beaucoup de jeunes coureurs viennent me demander des conseils, ils me disent que je suis leur idole. Même des collègues pro.»
Pourtant, même avec son allure monacale, on ne plus dire qu’on pourrait lui vendre le bon Dieu sans confession. Comme beaucoup de  leaders de son époque, Rebellin a été rattrapé par une affaire de dopage : contrôlé positif à l’EPO-Cera lors des JO 2008, il a été suspendu deux ans entre 2009 et 2011, sans jamais passer aux aveux. «Dans son esprit, il a quelque chose à prouver, estime Wadecki. Il veut dissiper le trouble autour de lui. Il veut montrer qu’il est encore aux affaires. Il peut continuer à gagner des courses. »

Encore un an ou deux ?

Cette année, l’Italien tourne autour de la victoire : 3e du Tour de Murcie, 3e de la première étape de la Ruta del Sol (entre Valverde, Mollema, Porte et Sanchez). Mercredi, il était encore septième de la Flèche Brabançonne, dernière répétition avant l’Amstel Gold Race (ce dimanche). « Pour moi, il peut faire podium, annonce Wadecki. Il pense à la victoire. Il est motivé, il sait qu’il peut montrer sa forme. Il va jouer son va-tout. » Mais ce ne sera pas encore son jubilé. «Les jambes tiennent, le corps tient. Je ne sais pas jusqu’où j’irai», dit-il. D’ailleurs, l’équipe CCC-Polsat a déjà envie de prolonger son contrat d’un an ou deux.

Chez Polsat (L’Equipe)

Anthony THOMAS-COMMIN / L’EQUIPE

from cyclingnews.com

Gazzetta dello Sport laments Italians’ poor results on the cobbles

Italian newspaper Gazzetta dello Sport was happy to celebrate the end of the cobbled Classics season and look forward to the Ardennes races this week after one of the worst spring campaigns for Italian riders for many years.

An Italian rider has not won one of the big five cycling monuments since 2008 and Gazzetta dello Sport has described this spring as the worst for Italian riders since the second world war. Only six Italian riders finished Paris-Roubaix, with Filippo Pozzato (Lampre-Merida) in 50th, 6:44 behind winner Niki Terpstra. Sonny Colbrelli (Bardiani-CSF) has taken the best results by an Italian so far in the Classics, with his sixth place in the sprint at Milan-San Remo.
“At last, we’ve stopped racing on the cobbles and are back on asphalt roads,” Claudio Ghisalberti wrote as the introduction to his story on the start of the Ardennes races.
Gazzetta dello Sport is hoping that the likes of Vincenzo Nibali (Astana), Diego Ulissi and Damiano Cunego (Lampre-Merida) can do much better in the Ardennes races.
Nibali will study the cobbles that features in this year’s Tour de France on Thursday before heading to the Netherlands for Sunday’s Amstel Gold Race.
The first of Ardennes Classics will be a shakedown for the Sicilian after two weeks of intense altitude training on Mount Teide in Tenerife. Nibali finished second in the 2012 edition of Liège-Bastogne-Liège and is hoping to perform well after a spectacular but under par early season.
Lampre-Merida failed to make an impact on the cobbles with Filippo Pozzato but hope that world champion Rui Costa can do well in the Ardennes. The Italian team also has Diego Ulissi and Damiano Cunego in its squad. Ulissi has spent two weeks at altitude on the slopes of Mount Etna in Sicily. He won a stage and was third overall at the Tour Down Under and won the GP Camaiore, but suffered at Tirreno-Adriatico.
“I’m really keen to race again, I’m ready for a challenge. I’ve trained hard, especially for my endurance,” he told Gazzetta dello Sport.
Cunego has shown infrequent moments of form in recent years but the 32 year-old from Verona finished in the top five on three stages at the Vuelta al Pais Vasco. He won the Amstel Gold Race in 2008.
Italy is also hoping Colbrelli and Enrico Battaglin (Bardiani CSF) can impress on Sunday. Colbrelli was sixth at Milan-San Remo as he desperately searches for his first ever professional victory, while Battaglin has the class and skills to handle the twisting roads of the Limburg region.
Peter Sagan will not ride the Amstel Gold Race for Cannondale and Moreno Moser is also absent, preferring the Giro del Trentino on home rods after a knee problem hit his spring campaign.

Davide Rebellin (CCC Polsat) is still flying the flag for Italy despite being 42 but in many way symbolises Italian cycling.
He won the Amstel Gold Race, Fleche-Wallonne and Liège-Bastogne-Liège in 2004 before being caught for doping at the 2008 Beijing Olympics.He refused to show any kind of remorse, served his ban and then returned to race with a minor team, outside of the UCI WorldTour.

link all’articolo originale

Se non avete visto il mondiale di ciclismo di Firenze e siete interessati, ve lo riassumo io.
Dunque: per i primi 240 kilometri come al solito non è successo una mazza, a parte che pioveva fortissimo e che i corridori continuavano a cadere. C’è stata la gara dura e la selezione, ok d’accordo, ma quello è normale, è un mondiale. Il mondiale, è così. Cosa è la selezione? Beh, la selezione è quando quelli forti vanno forte in modo che quelli che vanno meno forte si stacchino dal gruppo e rimangono attardati.
Andiamo avanti con il discorso, dicevamo, la gara è lunga 270 kilometri e dura più di sette ore. Per chi non lo sapesse nel ciclismo è solo al mondiale ormai che le gare sono così lunghe, quindi in realtà la gara in linea del mondiale è una gara a parte nel panorama del ciclismo professionistico, anche perché si corre per nazioni e non per team – lo dico per quelli che di ciclismo proprio non ne sanno – ma non divaghiamo adesso. All’ultimo giro – il mondiale in linea effettivamente si corre in circuito, non badateci – c’è stato un attacco di Scarponi che ha lanciato Nibali, che a sua volta ha preso gli avversari in contropiede sulla prima salita (quella meno ripida) e tutti i non-ciclisti davanti alla tv dicevano Vai Nibali alè alè, si urlavano da una stanza a un’altra della casa questi non-esperti che erano lì ancora svaccati sul divano dopo avere visto la MotoGP, Hei, veni a vedere – strillavano – c’è Nibali al mondiale che attacca.
E tutti gli esperti invece, incluso Cancellara e Sagan probabilmente, che erano i favoriti della gara, che dicevano Dove vuoi andare, Nibali, che la gara si decide sul muro di via Salviati? Il muro di via Salviati era il tratto più duro del percorso, 600 metri al 14% di pendenza. Tutti gli esperti pensavano che fosse una azione farlocca quella di Nibali e invece no, se ne è andato in discesa, è stato bravissimo, alla fine sono rimasti in 4: lui, due spagnoli – Rodriguez che aveva allungato davanti e Valverde che è un osso duro ma non è certo uno stratega del ciclismo – e poi Rui Costa, un portoghese che faticava a stare agganciato ma non mollava la ruota.
Hanno fatto l’ultimo strappo, quello ripido di via Salviati, poi Rodriguez in discesa ha allungato furbescamente un’altra volta e Nibali per andare a riprenderlo – a qual punto lo aveva quasi ripreso – doveva fare tutto da solo. Il ciclismo è uno sport bastardo, alle volte ti lasciano fare tutto da solo e poi ti fregano, bisogna stare attenti.

Comunque.
Valverde (uno dei due spagnoli) gli stava in scia, a Nibali, di aiutarlo non se ne parlava ovviamente. Mica poteva riportare l’avversario più temibile alle calcagna del suo compagno di nazionale, Valverde, no? anche questo lo dico a beneficio dei non esperti. Mi rendo conto che il ciclismo è una cosa complicata, comunque, dicevamo: RuiCosta aiutare anche lui niente, non se ne parlava, che non ne aveva più.
Insomma all’ultimo kilometro circa Nibali ha capito che Rodriguez da solo non lo poteva più riprendere, allora ha rallentato un attimo e ha fatto l’unica cosa che poteva provare a fare, si è fatto da parte e RuiCosta ha fatto il suo e finalmente si è messo davanti a tirare per giocarsi la vittoria o almeno il podio. Valverde invece che andare dietro a Rui Costa e cercare di staccare Nibali e poi fare la volata per il secondo posto o magari anche per il primo con il compagno Rodriguez, è stato a guardare. Non tirava. Nibali che non aveva forza per stare dietro a RuiCosta che scattava deve averlo guardato bene negli occhi a Valverde, come per dirgli A’Valvè, sei sicuro di non andargli dietro? è già la quarta volta che perdi un mondiale, ti sembra il caso? Valverde al mondiale è arrivato tre volte terzo e due volte secondo, un record. Comunque niente, non si è mosso. Ha aspettato, nessuno sa cosa. Senza offendere ma Valverde è risaputo che tatticamente è un po’ tonto.
Intanto Rodriguez pedalava, a 500 metri dal traguardo deve avere sentito uno alle sue spalle che arrivava, la gente a bordo strada che urlava e deve aver pensato Ok, il mio sogno mondiale è finito, ora cerchiamo di fare vincere la Spagna e Valverde e di salire almeno sul podio, sicuramente pensava che fosse RuiCosta ad arrivare alle sue spalle, con dietro Valverde in scia che a quel punto avrebbe dovuto scattare e fare secchi tutti, Nibali compreso se non lo aveva già staccato prima, con una volata super.
Invece si è voltato a guardare, Rodriguez, e dietro a lui c’era solo RuiCosta.
Come RuiCosta, cazzo?
Allora in televisione si è visto bene che Rodriguez si è tirato su e rigirato un’altra volta a guardare meglio dietro, ha staccato le mani dal manubrio e quando è stato raggiunto prima della volata ha anche parlato brevemente con RuiCosta, deve avergli detto Ma dove cazzo è Valverde, ancora una volta? E’ la quinta volta che Valverde perde un mondiale.
Insomma, hanno fatto la volata Rodriguez e RuiCosta e manco a dirlo ha vinto RuiCosta, porca zozza.
Porcas Zozzas, in spagnolo, ha detto Rodriguez
Rodriguez, secondo dicevamo. Terzo Valverde. Nibali quarto. Nibali era nettamente il più forte e tatticamente anche, il più forte dei quattro, il più intelligente. RuiCosta era il più stanco, il più sfinito, quello più andato. Come spesse volte avviene nel ciclismo, per via della tattica e delle scie e delle squadre, a vincere non è mica il più forte. E’ il più furbo. Il più coraggioso. Il più spregiudicato. Il più paraculo.
Cioè, il migliore. Al mondiale, quello che vince è sempre il migliore. Il migliore di quel giorno lì.
Ecco. E questo, per quanto riguarda la gara, mi sembra tutto. 

Paris Roubaix is approaching and we’re already excited for it!
We give you all a little present: a 3 minutes excerpt from the film “The Last Kilometer” (we’re about minute 35).
We are following Ignazio Moser’s race, and we hear his father Francesco (3 times winner of the Roubaix) speaking of the race. How to face the cobbles, how to win this legendary race. Enjoy it!

If you like this, you can get the full movie at www.thelastkilometer.com