Posts Tagged ‘libro’

Today we suggest you “Pedalare! Pedalare!”, a book by John Foot.
We’re just finishing to read it, it’s an amazing story of italian cycling, from the era of Binda and Girardengo, to Coppi&Bartali, to Marco Pantani. Highly reccomended – together with the film The Last Kilometer, obviously 🙂

below, a review from THE GUARDIAN

Un suggerimento a tutti i nostir lettori: il libro di John Foot “Pedalare!” (lo trovate anche in italiano). Una vera e propria storia del ciclismo (d’altronde l’autore è docente di storia italiana contemporanea) piena di aneddoti, curiosità, vicende parallele ed extrasportive…. altamente consigliato – da sorsegiare insieme al film L’Ultimo Chilometro, ovviamente 🙂

Pedalare! Pedalare! A History of Italian Cycling by John Foot – review
Extraordinary events and people feature in this century of Italian cycling

Fausto Coppi cycling in the Giro d’Italia in the 1950s

Fausto Coppi cycling in the Giro d’Italia in the 1950s. Photograph: AFP

The Giro d’Italia will soon be passing through the town where I live. Enthusiasm for the world’s second most prestigious bicycle race is far from universal here. Most of the comments on the website of one of the local papers are grumbling that it will make it even harder than usual to find a parking space. The only public notices I’ve seen about the Giro have been from the binmen, announcing that they’ll be collecting the rubbish unusually early that day. It all seems a far cry from the glory days of the late 1940s and 1950s, which John Foot in his diverting new book calls the “golden age” of Italian cycling, when the rivalry between Fausto Coppi and Gino Bartali transfixed legions of fans, not only throughout Italy but across the world. 


Pedalare! Pedalare! covers a century of Italian cycling, from the first Giro in 1909 – the winner, Luigi Ganna, a Milanese bricklayer, when asked how he felt about his victory, replied in dialect: “My arse is killing me” – to the centenary race two years ago, which was won by Denis Menchov, from Russia. As I write, the “Manx Missile”, Mark Cavendish, who took his first Giro stage win in 2009, is wearing the leader’s pink jersey in this year’s race.
Foot tells much of his history through potted biographies of the Giro’s stars. Not all of his characters are sportsmen, however. Enrico Toti, for example, could never have won the Giro d’Italia because he only had one leg, having lost the other one working on the railways in 1908. He found that cycling was the easiest way to get about, and it also enabled him to earn a living as a circus act. When Italy entered the first world war in 1915, Toti tried to join up – there were regiments of bicycle troops in the Italian army – but they wouldn’t have him. He went to the front line anyway, and died in uncertain circumstances in August 1916. Stories soon circulated about how he had been killed heroically throwing his crutch at the Austrians. A mass cult sprang up in his honour after the war; as Foot writes, “Toti was perfect for fascist propaganda.”
Unusual in some ways, in others Toti is typical of the men Foot writes about (and they are almost all men; only one woman has ever taken part in the Giro d’Italia, Alfonsina Strada in 1924): his fanatical commitment to cycling, his high pain threshold – Foot tells of cyclists racing on with broken bones, or in weather conditions so severe that their clothes froze to their bodies – but above all the way that his exploits and achievements were both exploited for political ends and eclipsed by the myths that grew up around them.
Uncertainty still surrounds the war record of Fiorenzo Magni, the third wheel in the Coppi-Bartali rivalry. He may have been a member of the fascist militia that massacred a group of partisans in Valbona in January 1944; on the other hand, he may (or may also), like Bartali, have helped the resistance earlier on, delivering anti-fascist newspapers on his bike. (Coppi spent most of the war in a British POW camp in North Africa.)
And then there are the extraordinary events of the summer of 1948. On 14 July, the riders in the Tour de France were resting in Cannes, preparing for the next stage of the race. Bartali was in seventh place; some Italian journalists are said to have taken the opportunity to nip over the border and go home. In Rome, Palmiro Togliatti, the leader of the Communist party, was shot three times on the steps of the parliament building by a rightwing Sicilian student. Protests and strikes broke out across the country. Revolution or civil war seemed possible. As part of his handling of the crisis, the Christian Democrat prime minister is said to have phoned Bartali in Cannes and asked him to win the race “for Italy”. He won the next three stages in a row, and went on to win the Tour. “After 16 July,” Foot writes, “the workers drifted back to their factories and order was restored.”

Is there any connection between these events? Did Togliatti’s shooting in Rome contribute to Bartali’s unlikely triumph in France? And did that in turn have a dampening effect on the uprising in Italy? Well, possibly. More importantly, Foot writes, in his dissection of the myth, “We are dealing here with a powerful ‘social fiction’, which took root through the endless retelling of a story: a myth which became part of the nation’s history of itself.”
However, Foot says: “There is no doubt that the Bartali myth was first propagated by the Catholic press.” Bartali was ostentatiously devout: after winning the 1948 Tour de France he made an offering of the yellow jersey to Saint Teresa. As his rivalry with Coppi came to symbolise the contradictions of an entire nation – in 1949 Curzio Malaparte wrote an essay about them entitled “The Two Faces of Italy” – it’s hardly surprising that Bartali (a Tuscan) should have been thought to show the traditional Catholic face while Coppi (from the industrial north) represented postwar modernity. These roles don’t entirely fit the facts but, as Foot demonstrates, the facts, even when they’re recoverable, are often the least of it.
The golden age came to an end in the late 1950s (Coppi died, probably of malaria, in 1960, at the age of 40). The Giro has since then become “principally a story about cycling and cyclists, not about a nation or its culture”, though it may never have been quite as important as Foot makes out: like most commentators on sport, he has a weakness for hyperbole. The great controversies have been about doping, not about war records or political allegiances.
The decline in the importance of the Giro has partly to do with the way that, as Foot says, “the very idea of Italy began to crumble” at the end of the 20th century. But it also has to do with the disconnection between cycling and everyday life. “Those who created cycling as a sport,” the journalist Luciano Bianciardi wrote in 1971, “went to work on their bikes from dawn until dusk . . . The kids who work for the baker today travel by scooter.” Cycling’s mass appeal lay partly in its mass use as a means of transport. Now it’s a middle-class hobby.

Advertisements

L’Inferno del Nord

parigi, roubaix, libro, ultimo, chilometro, film, div, moser, ignazio

– “Dovete arrivare fino a Troyes, dove ci sarà il primo settore di pavè. E lì bisogna andare a tutta, lì è come essere in pista, non si frena mai! Ok?”
Il direttore sportivo era stato di parola, ma d’altronde l’aveva già fatta anche lui, quella corsa, raccogliendo un dignitoso decimo posto a cinque minuti di distacco dal primo.
Olandesi a sinistra, belgi a destra, e poi sconosciuti e agguerriti corridori della Bretagna e della Normandia, e danesi, e tedeschi… è tutto uno sferragliare di catene, uno sgommare di tubolari,
una babele di lingue che imprecano, smoccolano, chiedono strada.
Ma dove vuoi andare, che siamo appena partiti e non vedremo l’arrivo prima del tardo pomeriggio?
Roubaix, un nome mitico nella storia del ciclismo, stai pure certo che se vinci qui ti porti a casa un bel pezzo di storia, insieme a quel blocco di pavè da appoggiare in bella vista sul camino.
Su e poi giù, poi su e poi ancora giù, la bici di Moser affronta le dolci colline che conducono la gara verso i primi tratti di pavè mentre lui pensa che da lì in poi ci sarà solo pianura, una infinita pianura fino al velodromo.
E però accidenti che caldo, 27° nel nord della Francia sarà mica normale, no?
“Dio bono che caldo!”
“Ostia, e poi dicono il freddo del nord!”
Gli italiani, o meglio il gruppetto di veneti e il trentino Moser, stanno a metà gruppo, mentre davanti qualcuno prova con insistenza a portare via la fuga. Delle tre, l’una: un ordine di squadra, un momento di scarsa lucidità mentale causato dal caldo, la totale ignoranza del percorso.
Altrimenti, sapendo cosa li aspetta, quello spreco di energie risulterebbe davvero inspiegabile.
Campi di patate e di asperges (ma saranno poi i nostri asparagi? si domanda Moser di fronte alla vastità di quei campi senza fine), qualche mucca qua e là, strani paesini fatti di un’unica strada su cui si affacciano tutte le case, e la gente davanti alla porta ad applaudire.
Ma d’altronde non è che qui ci debbano essere tantissimi svaghi, pensa Moser quando un’ inchiodata generale lo richiama all’attenzione e ne riporta l’ orizzonte visivo ai 50 cm davanti alla propria ruota anteriore. Finalmente la fuga ha preso consistenza e in testa al gruppo si sono dati una calmata, con buona pace degli olandesi in maglia arancione e del lungo carrozzone di ammiraglie, mezzi della giuria, del cambio ruote, dei fotografi e cineoperatori, un serpentone diretto verso nord in disordinata fila indiana.

parigi, roubaix, libro, ultimo, chilometro, film, div, moser, ignazio

Due chilometri a Troyes.
Qui inizia il pavè, aveva detto il direttore sportivo ai ragazzi. Ma d’altronde non ci voleva un genio per capirlo, sembra che dalle ammiraglie sia arrivato, all’unisono, l’ordine di portarsi avanti. Urla, scatti, frenate, l’alveare-gruppo è completamente impazzito.
Entrare nel pavè è come tuffarsi dal trampolino più alto dopo aver preso la rincorsa.
D’un tratto passi dai 50 chilometri orari sull’asfalto ai 50 chilometri orari sul pavè, e non hai neanche il tempo di chiederti come affrontarlo.
Tutti quei discorsi sulla pressione delle gomme, su come impugnare il manubrio, sul mettere o non mettere i guantini, da che lato stare, se passare al centro o sull’erba, se in prima o in terza quarta posizione… e poi in un attimo ti ci ritrovi in mezzo, lanciato come un treno, e puoi solo tenere la testa bassa e stantuffare sui pedali.
E la polvere! Una nuvola densa di polvere bianca, finissima, quasi non la senti arrivare ma poi te la ritrovi sulle labbra, in bocca, agli angoli degli occhi.
Moser è nelle prime venti posizioni del gruppo, avvolto da quella polvere che respira, che mangia, e da cui ogni tanto spuntano degli elementi colorati.Una borraccia rossa al centro della strada, un’altra verde a destra, al di là del fosso un corridore che agita in alto nell’aria non una ma due ruote forate, più avanti un altro appena risalito in sella, con il sangue che cola dal ginocchio e dal gomito.
L’inferno del Nord. Spesso le cronache ciclistiche vivono di esagerazioni e forzature, in cui la piccola montagnola appenninica diventa muro insuperabile, e il corridore con qualche velleità da scalatore viene subito denominato aquila, rapace, stambecco.
Ma qui la definizione ci sta tutta. Fallo con la pioggia e ti ricoprirai di fango, fallo con il sole e annasperai nella polvere e nel vento contrario.
Andare a tutta sul pavè ti sfianca, la bicicletta si dimena e sobbalza come un toro meccanico e questo schakerare impazzito ti massacra i muscoli.

parigi, roubaix, libro, ultimo, chilometro, film, div, moser, ignazio

Tre settori di pavè, tre soli settori, poco più di sei chilometri in totale, e il gruppo già si è sfilacciato, con ritardi superiori al minuto e corridori esausti. Trenta chilometri di tranquilla e assolata pianura francese, più piatta di un campo di petanque, fanno più selezione di quanta ne potrebbero fare tre gran premi della montagna di prima categoria.
Dopo ogni settore la testa del gruppo rallenta, i corridori si guardano per fare la conta dei morti e dei feriti, permettendo a quanti si sono attardati di rientrare per poi staccarli, di nuovo e con gli interessi, nel settore successivo.
Vista da fuori la Roubaix è una corsa molto musicale, fatta di momenti di adagio a cui seguono frenetiche impennate di ritmo, vivace, presto, prestissimo! Poi, di nuovo, la quiete dopo la tempesta, una tregua armata talvolta di due chilometri, talvolta di dieci, in genere corrispondente con i tratti di strada asfaltata che intervallano i settori in pavè. Mons en Pévèle, Pont Thibaut, Cysoing e poi il celebre Carrefour de l’Arbre, delle buche che ti ci perdi dentro e un rettilineo, quello che porta al famoso ristorante L’Arbre, che non finisce mai, con l’ enorme casone che appare da lontano come un faro in mezzo al mare, unica costruzione in mezzo a chilometri di
campagna.

parigi, roubaix, libro, ultimo, chilometro, film, div, moser, ignazio

Moser continua a spingere sui pedali con il rapportone da pianura, ormai inconsapevole di quanto stia accadendo in corsa, della posizione, dei distacchi. Non valgono più i giochi di squadra, i treni, i gruppi e gruppetti; ormai si è al tutti contro tutti, contro la polvere, le forature e le cadute, contro la fatica e le gambe ormai svuotate di energia.
L’arrivo a Roubaix suona come una presa in giro: i corridori affrontano un ultimo settore di una facilità disarmante, un finto pavè, un acciottolato moderno che dovrebbe evocare le difficoltà affrontate dai ciclisti ma sembra invece minimizzarle e schernirle.
Svolta a destra, ingresso nel mitico Vélodrome, un primo giro di rincorsa e poi la volata finale per dare fondo alle ultime energie.

MOSER F. Vainqueur 1978-79-80
E’ quanto riporta la targhetta posta su uno dei box-spogliatoio nelle spartane docce del velodromo di Roubaix, altro luogo mitico di questa corsa. Ignazio, con l’asciugamano in vita, sfila davanti alla targhetta e tira dritto, preferisce rivestirsi sotto lo sguardo più benevolo di un Coppi (1950), un Ballerini (1995-1998) o Tom Boonen (2005- 2008 -2009 -2012), il suo suo corridore preferito, il suo idolo. Ignazio ha ereditato dal padre buone gambe e una grande, smisurata passione per l’Inferno del Nord, ma se c’è una cosa in cui essere “figli di” non porta alcun vantaggio, questa è il ciclismo. Oggi il morale è a terra, ma già da domani, attraversando il pavè del centro storico di Gardolo, ricomincerà a sognare fughe nella polvere e arrivi a braccia alzate nel velodromo di Roubaix.