Archive for March, 2013

Posted: March 27, 2013 in Uncategorized

una bella lettura per inziare bene la giornata…

storie in bicicletta

di Mario Rossi

A volte torno a vedere la casa dove ho vissuto, è tutto cambiato. Ci vado quando sento nostalgia o il bisogno di fare un bilancio della mia presenza su questa terra; più a mezz’aria che a terra; quando ho una crisi esistenziale. Come fantasma, mi capita di frequente.

Sono passato a miglior vita tanto tempo fa, non so quanto, novant’anni, forse cento, io ne avevo diciotto. Si diceva piove, governo ladro; ero socialista. I comunisti che occupavano le fabbriche e volevano il sol dell’avvenire ce l’avevano con noi che credevamo alle riforme.

Quell’ anno passò a Roma Girardengo col Giro d’Italia. Andavo in bicicletta come quelli che potevano averne una.

Ero materassaio insieme a mio padre che aveva perso una gamba sull’Isonzo e stava sempre a bottega. Pigliavo gli attrezzi per cardare la lana, ago e spago e andavo in bicicletta a casa della gente a rifargli…

View original post 1,766 more words

Advertisements

Today we suggest you “Pedalare! Pedalare!”, a book by John Foot.
We’re just finishing to read it, it’s an amazing story of italian cycling, from the era of Binda and Girardengo, to Coppi&Bartali, to Marco Pantani. Highly reccomended – together with the film The Last Kilometer, obviously 🙂

below, a review from THE GUARDIAN

Un suggerimento a tutti i nostir lettori: il libro di John Foot “Pedalare!” (lo trovate anche in italiano). Una vera e propria storia del ciclismo (d’altronde l’autore è docente di storia italiana contemporanea) piena di aneddoti, curiosità, vicende parallele ed extrasportive…. altamente consigliato – da sorsegiare insieme al film L’Ultimo Chilometro, ovviamente 🙂

Pedalare! Pedalare! A History of Italian Cycling by John Foot – review
Extraordinary events and people feature in this century of Italian cycling

Fausto Coppi cycling in the Giro d’Italia in the 1950s

Fausto Coppi cycling in the Giro d’Italia in the 1950s. Photograph: AFP

The Giro d’Italia will soon be passing through the town where I live. Enthusiasm for the world’s second most prestigious bicycle race is far from universal here. Most of the comments on the website of one of the local papers are grumbling that it will make it even harder than usual to find a parking space. The only public notices I’ve seen about the Giro have been from the binmen, announcing that they’ll be collecting the rubbish unusually early that day. It all seems a far cry from the glory days of the late 1940s and 1950s, which John Foot in his diverting new book calls the “golden age” of Italian cycling, when the rivalry between Fausto Coppi and Gino Bartali transfixed legions of fans, not only throughout Italy but across the world. 


Pedalare! Pedalare! covers a century of Italian cycling, from the first Giro in 1909 – the winner, Luigi Ganna, a Milanese bricklayer, when asked how he felt about his victory, replied in dialect: “My arse is killing me” – to the centenary race two years ago, which was won by Denis Menchov, from Russia. As I write, the “Manx Missile”, Mark Cavendish, who took his first Giro stage win in 2009, is wearing the leader’s pink jersey in this year’s race.
Foot tells much of his history through potted biographies of the Giro’s stars. Not all of his characters are sportsmen, however. Enrico Toti, for example, could never have won the Giro d’Italia because he only had one leg, having lost the other one working on the railways in 1908. He found that cycling was the easiest way to get about, and it also enabled him to earn a living as a circus act. When Italy entered the first world war in 1915, Toti tried to join up – there were regiments of bicycle troops in the Italian army – but they wouldn’t have him. He went to the front line anyway, and died in uncertain circumstances in August 1916. Stories soon circulated about how he had been killed heroically throwing his crutch at the Austrians. A mass cult sprang up in his honour after the war; as Foot writes, “Toti was perfect for fascist propaganda.”
Unusual in some ways, in others Toti is typical of the men Foot writes about (and they are almost all men; only one woman has ever taken part in the Giro d’Italia, Alfonsina Strada in 1924): his fanatical commitment to cycling, his high pain threshold – Foot tells of cyclists racing on with broken bones, or in weather conditions so severe that their clothes froze to their bodies – but above all the way that his exploits and achievements were both exploited for political ends and eclipsed by the myths that grew up around them.
Uncertainty still surrounds the war record of Fiorenzo Magni, the third wheel in the Coppi-Bartali rivalry. He may have been a member of the fascist militia that massacred a group of partisans in Valbona in January 1944; on the other hand, he may (or may also), like Bartali, have helped the resistance earlier on, delivering anti-fascist newspapers on his bike. (Coppi spent most of the war in a British POW camp in North Africa.)
And then there are the extraordinary events of the summer of 1948. On 14 July, the riders in the Tour de France were resting in Cannes, preparing for the next stage of the race. Bartali was in seventh place; some Italian journalists are said to have taken the opportunity to nip over the border and go home. In Rome, Palmiro Togliatti, the leader of the Communist party, was shot three times on the steps of the parliament building by a rightwing Sicilian student. Protests and strikes broke out across the country. Revolution or civil war seemed possible. As part of his handling of the crisis, the Christian Democrat prime minister is said to have phoned Bartali in Cannes and asked him to win the race “for Italy”. He won the next three stages in a row, and went on to win the Tour. “After 16 July,” Foot writes, “the workers drifted back to their factories and order was restored.”

Is there any connection between these events? Did Togliatti’s shooting in Rome contribute to Bartali’s unlikely triumph in France? And did that in turn have a dampening effect on the uprising in Italy? Well, possibly. More importantly, Foot writes, in his dissection of the myth, “We are dealing here with a powerful ‘social fiction’, which took root through the endless retelling of a story: a myth which became part of the nation’s history of itself.”
However, Foot says: “There is no doubt that the Bartali myth was first propagated by the Catholic press.” Bartali was ostentatiously devout: after winning the 1948 Tour de France he made an offering of the yellow jersey to Saint Teresa. As his rivalry with Coppi came to symbolise the contradictions of an entire nation – in 1949 Curzio Malaparte wrote an essay about them entitled “The Two Faces of Italy” – it’s hardly surprising that Bartali (a Tuscan) should have been thought to show the traditional Catholic face while Coppi (from the industrial north) represented postwar modernity. These roles don’t entirely fit the facts but, as Foot demonstrates, the facts, even when they’re recoverable, are often the least of it.
The golden age came to an end in the late 1950s (Coppi died, probably of malaria, in 1960, at the age of 40). The Giro has since then become “principally a story about cycling and cyclists, not about a nation or its culture”, though it may never have been quite as important as Foot makes out: like most commentators on sport, he has a weakness for hyperbole. The great controversies have been about doping, not about war records or political allegiances.
The decline in the importance of the Giro has partly to do with the way that, as Foot says, “the very idea of Italy began to crumble” at the end of the 20th century. But it also has to do with the disconnection between cycling and everyday life. “Those who created cycling as a sport,” the journalist Luciano Bianciardi wrote in 1971, “went to work on their bikes from dawn until dusk . . . The kids who work for the baker today travel by scooter.” Cycling’s mass appeal lay partly in its mass use as a means of transport. Now it’s a middle-class hobby.

Paris Roubaix is approaching and we’re already excited for it!
We give you all a little present: a 3 minutes excerpt from the film “The Last Kilometer” (we’re about minute 35).
We are following Ignazio Moser’s race, and we hear his father Francesco (3 times winner of the Roubaix) speaking of the race. How to face the cobbles, how to win this legendary race. Enjoy it!

If you like this, you can get the full movie at www.thelastkilometer.com

 

Image

La settimana scorsa vi ho presentato il film “L’ultimo Chilometro” , definendolo come un film “dedicato alla nostra passione”.

Ho avuto anche il piacere di parlare al telefono con Paolo Casalis, ideatore e regista di questo progetto, e di fargli qualche domanda sul suo bel lavoro.

Dopo l’intervista ho capito perché il film riesce a trasmettere quella passione e quella “poesia della fatica” tipica del nostro sport. Il fatto è che Paolo è prima di tutto un grande appassionato, ex agonista ed ora cicloamatore come tanti di noi.

A fondo pagina trovi anche un estratto dal film che Paolo mi ha girato in anteprima solo per noi di CiclismoPassione.

– Ciao Paolo, anzitutto ci racconti chi sei e cosa fai ?

Ho 36 anni, vivo e lavoro in Piemonte, tra Bra e Torino, e sono un regista: mi occupo di realizzare (e quasi sempre anche filmare in prima persona) film documentari.
Tra gli altri, nel 2009 ho realizzato insieme a Stefano Scarafia il film “Il Corridore” (www.unpassodopolaltro.it) sulla leggenda della corsa estrema Marco Olmo, e nel 2012 ho realizzato il film documentario “Langhe Doc. Storie di eretici nell’Italia dei capannoni” (www.langhedoc.it), vincitore di numerosi Festival e nella selezione ufficiale per i premi David di Donatello 2012.

Spero davvero che “L’Ultimo Chilometro” abbia la stessa fortuna!

– Come ti è venuta l’idea di questo film ? 

Ho corso in bicicletta fino all’età di 18 anni: giovanissimi, esordienti, allievi e juniores.

AL momento di decidere se proseguire tra i dilettanti oppure no ho deciso di smettere, senza traumi: non ero un fenomeno, ero un buon passista-scalatore ma niente di più, e poi si preannunciava un anno scolastico difficile, con gli esami di maturità e poi l’università.

Mi è però rimasta la passione e ancora oggi, nei ritagli di tempo tra un lavoro e l’altro, faccio i miei 3mila chilometri all’anno.

Quando ho chiuso il mio film precedente (che era su tutt’altro tema e argomento) mi sono chiesto “E ora? Che cosa racconto nel mio prossimo film?”

E la risposta è stata: il ciclismo, perché no? D’altronde nel mio piccolo qualcosa ne capisco, e solo sommando tutte le ore passate a guardare il ciclismo in tv (dai tempi di AdrianoDe Zan) penso che avrei già potuto realizzare un paio di film sull’argomento.

La motivazione in realtà è anche un’altra: lo sport in generale è un bellissimo soggetto, fonte di infinite storie, di epica, di pathos, di emozioni.

Ogni gara ciclistica, ogni carriera di corridore, è in sé un’efficace metafora della vita, un sunto delle nostre esperienze: si fatica, si vince, si perde.

– Perchè la scelta è ricaduta su questi 4 personaggi ?

La mia non è stata una scelta casuale: non avevo una lunga lista di corridori a cui chiedere se fossero disposti a partecipare, ma fin dall’inizio avevo questi 4 nomi: Ignazio Moser, Davide Rebellin, Gianni Mura, El Diablo. Ho avuto la fortuna di ricevere quattro risposte positive.

Per me ognuno di questi personaggi rappresenta in modo esemplare determinati aspetti del ciclismo:

-Ignazio Moser è la speranza, la linea verde, il giovane carico di sogni e di promesse. In più, nella sua storia ho visto il fascino (e la difficoltà) del confronto continuo con un padre che è stato un campione assoluto del ciclismo, e a posteriori (e a che mi dice “hai sbagliato Moser”) devo dire che la scelta si è rivelata azzeccata.

-Davide Rebellin è l’ultimo esponente del ciclismo che guardavo in tv nei pomeriggi della mia adolescenza, è “l’ultimo dei dinosauri”.La sua storia, fatta di grandi successi e clamorose “cadute”, come quella di Pechino 2008, è davvero intrigante e affascinante, nel bene e nel male. E poi nel ciclismo il problema doping esiste, e io non potevo né volevo nascondere la testa sotto la sabbia: la scelta di parlare di Rebellin (che in molti hanno criticato a priori, senza neppure aver visto il film) va in questa direzione.

-Gianni Mura è, tra i giornalisti italiani che si occupano di ciclismo, quello che meglio di ogni altro sa tradurre i chilometri macinati sull’asfalto in emozioni, in parole. Forse non è il più tecnico tra i giornalisti sportivi, e sicuramente altri hanno una conoscenza più profonda di questo sport, e però il modo in cui Mura racconta il ciclismo ha qualcosa che va al di là della cronaca, del dato sportivo.

-El Diablo, infine, rappresenta l’emozione, la passione, la gioia, in una parola il pubblico del ciclismo. Didi Senft (così si chiama il tedescone nascosto sotto i panni del diavolo) è esagerato, folcloristico, lucidamente folle, e pertanto è il simbolo perfetto della folla di appassionati che seguono le grandi corse ciclistiche. Filmare lui era per me come filmare l’intera moltitudine degli appassionati di ciclismo.

– Nel film c’è una linea netta tra passato e futuro di questo sport. Si respira una sorta di nostalgia, soprattutto nelle parole di Gianni Mura, e in quelle di Francesco Moser quando parla dei “vecchi tempi” in contrapposizione a quelli moderni. Al tempo stesso c’è una carica di giovane energia e positività nelle parole di Ignazio Moser.

Tu come vedi il ciclismo moderno ? Credi sia più pulito, meno eroico, meno entusiasmante ? Credi che appassionerà ancora la gente ?

E’ difficile per me argomentare per scritto sullo stato attuale del ciclismo e su cosa ne sarà di questo sport: mi ci sono voluti 52 minuti di film per provare a rispondere a questa domanda

Aggiungete un punto interrogativo al titolo del film, e capirete che il mio approccio al film era contenuto nella seguente domanda: il ciclismo è arrivato al suo ultimo chilometro? Stiamo assistendo agli ultimi metri di questo glorioso sport, travolto dagli scandali, dal business, da una modernizzazione (dei mezzi meccanici, dei tracciati, delle squadre, del sistema di gare e punteggi..) che sembra andare in direzione opposta rispetto al mito, all’emozione, all’epica?

Senza svelare nulla del film, posso dire che io confido nel lieto fine, anzi ne sono certo: il ciclismo continuerà ad appassionarci, a coinvolgerti emotivamente, sia da modesti operai della bicicletta sia da appassionati con il telecomando in mano.

Detto questo è vero, come afferma Gianni Mura, che a volte i campioni di oggi non fanno molto per entusiasmarci, e la stessa cosa si può dire delle squadre, dei percorsi delle gare, delle tattiche di gara. Però poi arrivano corridori come Sagan e Moreno Moser, gare come la Tirreno-Adriatico di questi giorni, e noi spettatori ci riconciliamo con questo bellissimo sport.

Sull’annosa questione del doping: qualcuno (Wiggins dopo la vittoria al Tour dello scorso anno) dice che oggi certi exploit non sono più possibili (e quindi le gare sono più piatte e noiose) perchè i motori dei corridori non sono più truccati. Altri (come il giornalista Paul Kimmage) sollevano inquietanti dubbi e analogie proprio tra il dominio della US Postal di Armstrong e la Sky di Wiggins e Froome.

Da che parte stare? Innocentisti e garantisti fino a prova contraria, oppure no?

A chi è appassionato di ciclismo non resta che coltivare la propria passione, senza foderarsi gli occhi e magari con un po’ di “cautela”, per evitare brutte scottature.

E se ogni tanto siete stufi di leggere articoli sul doping e attacchi concentrici al vostro sport, e la vostra passione è sul punto di affievolirsi, il mio consiglio personale è di prendere la propria bici e il proprio doping (una borraccia di acqua fresca e un paio di barrette) e di uscire di casa.

– Hai altri progetti in cantiere sul mondo delle due ruote ?

Come casa di produzione (Stuffilm Creativeye, www.stuffilm.com) quest’anno seguiremo numerose gran fondo, in Italia e in Francia.

Nel mio cassetto c’è anche il progetto di un secondo film documentario sul mondo del ciclismo, magari questa volta dedicato alle storie di chi pur non essendo professionista macina migliaia di chilometri all’anno. Per restare aggiornati, vi invito a seguire il sito e la pagina facebook del film

– Ciao Paolo, grazie e a presto 

Ciao a tutti, buona visione e buone pedalate!

 

 

 

 

 

 

“Questo articolo è dedicato alla nostra passione.”

Oggi vi voglio parlare di un film che ho visto qualche giorno fa.

Non un film qualsiasi, un film sulla nostra passione, il ciclismo.

E in questo caso, uso la parola passione perché é quello che si prova nel vedere questo film.

Sto parlando de “L’ultimo chilometro”  un film-documentario sul mondo del ciclismo del regista Paolo Casalis.

L’ho visto una sera mentre ero a casa da solo e mi sono emozionato. Avrei voluto che vicino a me ci fossero anche mia moglie e le mie bambine, per far capire e trasmettere anche a loro cos’è quella fiamma che ci brucia dentro e che ci fa fare tanta fatica su una bicicletta.

Avrei voluto che lo vedessero anche quei miei amici che non hanno mai provato ad andare in bici e che mi guardano in modo strano quando gli dico che mi sono alzato alle 6 del mattino per andarmi a fare 100 km in sella ad una bici.

E’ un film fatto con passione e che trasmette emozioni. Le stesse emozioni che fanno di questo sport, il più bello ed unico al mondo, dove i corridori sono prima di tutto uomini, con le loro virtù e debolezze, con giorni di gloria e giorni nel fango.

Così come nella vita di tutti noi.

Uno sport che vive momenti difficili, e questo il film non lo nasconde, ma anzi va a ricercare senza ipocrisia, un personaggio come Davide Rebellin, “grande vecchio” del ciclismo, coinvolto nelle note vicende di doping, che però ci mette la faccia, il sudore, la fatica e l’umiltà di dimostrare a se stesso e agli altri che lui, nato per vincere,può tornare grande, anche da “vecchio”. E vi consiglio vivamente, prima di giudicare, di guardare questo film.

Uno sport che forse vive troppo nel passato e si culla nei ricordi dei “bei vecchi tempi”, e che a mio avviso, dovrebbe invece smettere di guardare nello specchietto retrovisore, ma guardare al futuro dei giovani atleti e creare un’ambiente in cui i corridori possano crescere con la cultura dello sport pulito.

Le parole di Gianni Mura, storico giornalista di ciclismo, (scrive ancora romanticamente gli articoli con la macchina da scrivere), sono emblematiche ” se si pensa che i corridori hanno nelle orecchie una trasmittente e sono teleguidati dall’ammiraglia, direi che questa è la fine dell’avventura”.

I giovani atleti di oggi vivono un ciclismo diverso, ma anche un mondo diverso da quello che ricordano i genitori, e non possiamo dare colpa a loro per questo.

Lo dimostra Ignazio Moser,figlio di Francesco, che si porta dietro il fardello di un cognome pesante, eppure segue la sua strada con grinta, determinazione, tenacia. E come dice lui ” Le corse che ho vinto finora non le ho vinte perché mi chiamo Moser…”

Uno sport che anche se vive momenti difficili rimane sempre lo sport più bello al mondo, lo sport della gente, dove per vivere un emozione non devi pagare un biglietto, ti basta arrampicarti in bici o a piedi fino ad un tornante di una salita per veder passare, per pochi intensi istanti, dei piccoli grandi eroi, e magari incontrare curiosi personaggi come El Diablo, alias Didi Senft che ha dedicato la sua vita a questa passione (lo sapevate che da giovane è stato un buon corridore?)

Questo film è un concentrato di tutte le emozioni che questo sport può regalare. Emozioni sportive, ma soprattutto emozioni umane, la ricerca del lato più intimo dell’atleta, con i suoi problemi, le sue aspirazioni, i sogni di gloria che rimangono tali a 20 anni come a 40 anni suonati.

Dopo aver visto il film, ho subito contattato il regista Paolo Casalis, e gli ho chiesto di rilasciarmi un intervista dove mi racconta un po’ la storia di questo film – documentario. Ne è uscito davvero un bel racconto che vale la pena leggere, e che pubblicherò tra un paio di giorni appena finito di sistemare.

www.thelastkilometer.com

 

Parte con lo sport
il nuovo Piemonte Movie

di Franca Cassine, Torino

Image

Cerca di resistere il «Piemonte Movie gLocal Film Festival». Nonostante i pesanti tagli ai finanziamenti lo abbiano seriamente messo in pericolo, gli organizzatori sono riusciti a proporre la XIII edizione, seppur in forma ridotta.
Quattro i giorni di programmazione nella sala Il Movie del Cineporto di via Cagliari 42 che prendono il via oggi e proseguono fino a sabato, nei quali sfilerà il meglio del cinema piemontese con 15 cortometraggi e 11 documentari (ingresso 4 euro, 3 il ridotto, abbonamento a 10 euro, tel: 011/42.70.14).
L’inaugurazione è per oggi alle 20,30 con una pellicola dedicata allo sport. Il cuneese Paolo Casalis presenterà in anteprima assoluta «L’ultimo chilometro. Vincere, perdere, lottare, fino all’ultimo chilometro», il suo ultimo documentario nel quale racconta la passione per il ciclismo. Protagoniste le storie di sportivi quali Davide Rebellin che a 41 anni ha ancora voglia di vincere, ma pure quelle di appassionati come Ignazio Moser (figlio di Francesco), del giornalista Gianni Mura e di «El Diablo» Didi Senft, con il suo costume da Diavolo e i folli inseguimenti dietro ai corridori. La serata si conclude alle 22,30 con la proiezione di «All’ombra della croce» di Alessandro Pugno che racconta la vita di alcuni bambini spagnoli.

FACTQuest’anno il Festival Cinematografico Piemonte Movie di Torino inaugura con un’anteprima dedicata al ciclismo!
Mercoledi’ 13 Marzo alle 20:30, presso la Sala Movie del Cineporto – via Cagliari 42 a Torino – il Festival aprirà i battenti con la proiezione del film documentario “L’Ultimo Chilometro”.
Un film autoprodotto, realizzato dalla casa di produzione Stuffilm di Bra (www.stuffilm.com), che racconta il ciclismo a 360 gradi: la passione, l’emozione, l’epica e la grande storia, ma anche gli scandali attraversati da uno sport che mai come oggi sembra arrivato al suo “ultimo chilometro”.
Nel documentario, della durata di 52′, si alternano quattro storie, quattro personaggi: Ignazio Moser, Davide Rebellin, Gianni Mura, El Diablo.

Vi invitiamo a diffondere questa comunicazione ai vostri amici in modo da trasformare questa serata in un incontro torinese tra gli appassionati di ciclismo (e di cinema!)

Per informazioni sul film vi invitiamo a visitare il sito www.thelastkilometer.com

Per informazioni sul Festival: www.piemontemovie.com

INGRESSO 4€